Diario, 16.06.2006
 

Hora e sempre
Una forza che viene
dal passato e gira
dalla Calabria al mondo.

di Massimo Onofri

  Prima di tutto c’Ŕ la calabrese Hora, dove risiede da sempre una delle non poche comunitÓ italo-albanesi, di lingua arbŰreshe, che popolano in diversa guisa il Meridione d’Italia. Quella comunitÓ che, a partire dal suo romanzo d’esordio, Il ballo tondo (1991), Carmine Abate ha reinventato nella sua lingua suggestiva e mescidata, di romanzo in romanzo diversamente gradata, pi¨ o meno lavorata. Qui, nelle parole del padre dell’io narrante, dentro il presente dei nostri anni: “Fattýlo contare da quello sperto di GojÓri: con lui sei ‘nkrick e ‘nkock, gli credi pure se ti dice che in Arbanýa volano i muri”. Poi c’Ŕ l’Hora albanese, quella all’inizio di tutte le storie, della Storia piccola e di quella grande, da cui muove quasi un popolo intero, per sfuggire la minaccia del feroce esercito ottomano, alla fine del Quattrocento, sotto la guida saggia e religiosamente ispirata del papÓs Dhimitri Damis: sua moglie porta nel grembo il primogenito, ma molto sangue, sulla strada di una fuga e di un impossibile ritorno, dovrÓ ancora essere versato, compreso quello del suo figlioletto, Jani Tista, tanti anni dopo.
Ma c’Ŕ anche un altro Damis, Antonio, l’unico depositario d’una tradizione antichissima che ancora risplende sotto la stella del padre dei padri, l’eroe Scanderbeg, ma del tutto rimossa, quella tradizione, se non dimenticata: vive febbrile e controvento, Antonio, al centro d’un turbine di risentimenti oscuri che potrebbero costargli anche la vita, e vorrebbe tornare nell’Albania degli avi, sulle sponde di quel lago dove crede si trovi la cittÓ dell’origine, per ritrovarla e ritrovarsi. Quindi c’Ŕ Laura, la figlia di Antonio, “la bionda figa, la ragazza con il bambino, la straniera”, che irrompe all’improvviso nel paese che il padre ha lasciato, sigillata nel suo mistero. Infine, ma accanto a una folla di altri comprimari, c’Ŕ GojÓri (“Boccadoro”), incantevole e incantato affabulatore, ma soprattutto l’artista che attende a uno stupefacente mosaico – ecco la ragione del titolo –, cui Abate affida forse, ma in forma di brillante metafora e senza complicazioni intellettualistiche, una riflessione sull’arte (la letteratura) e le sue condizioni di possibilitÓ.
Dovrei parlare di molto altro ancora: magari dell’Albania dove trionfa e tiranneggia Enver Hoxha fino ai giorni dell’agonia del regime comunista, quando le statue di Stalin saltano per aria. E dovrei aggiungere che, forse, tutti i romanzi sono storie d’amore: se anche questo di Abate, appunto, non fa eccezione. Preferisco chiedermi che scrittore sia Abate e perchÚ lo ritenga necessario nel nostro panorama letterario. Per rispondermi che, senza nessun rapporto con gli scrittori orizzontali, impegnati a confrontarsi con la realtÓ della cosiddetta alienazione neocapitalistica e globalizzata, Abate nasce e resta un narratore in cui tutto rameggia da una radice atavica. La sua Ŕ una forza che viene dal passato: nella consapevolezza che non si possa dare un romanzo del mondo, per il mondo, senza una parola accasata in un tempo e in spazio irriducibili. Hora ormai esiste nella nostra immaginazione. Come NatÓca di Brancati, Regalpetra di Sciascia o Macondo di MÓrquez. Certo, ho citato pesi massimi: ma Abate Ŕ giovane, e non Ŕ pochissimo ci˛ che ci ha dato.